DISTRETTO DI CASALE: L?ASL ACCOGLIE LE RICHIESTE DEI SINDACI

Previste nuove assunzioni di personale medico per i reparti di Pediatria, ORL, Chirurgia, Odontostomatologia e Fisiatria

CASALE - Presso la sala consiliare del Municipio di Casale Monferrato ieri, giovedì 29 marzo, si è tenuta la riunione del Comitato dei Sindaci del Distretto di Casale Monferrato.
Il Comitato ha affrontato i temi proposti dall’esecutivo ristretto il 13 marzo u.s., ovvero le preoccupazioni relative alle criticità di alcuni reparti dell’ Ospedale Santo Spirito (Pediatria, Otorinolaringoiatria, Pronto Soccorso. Chirurgia. Odontostomatologia e Fisiatria).
La Direzione Generale dell’ ASL ha preliminarmente annunciato la recente  approvazione da parte del Governo Regionale delle ‘consistenze organiche’ dell’ Azienda: l’ ASL AL (fra le prime in Piemonte ad aver ricevuto tale avallo, assieme all’ ASL di Novara e di Asti ) avrà così a disposizione, pur nel rispetto dei vincoli di bilancio e del Piano  regionale di rientro economico, un importante strumento per poter fra l’altro assumere o sostituire personale sanitario senza la preventiva autorizzazione regionale.
Tra i principali provvedimenti di incremento del personale sanitario si annoverano incarichi in Pediatria, ORL, Pronto Soccorso, Fisiatria, Ostetricia-Ginecologia; la richiesta di deroga regionale per avviare la selezione pubblica del primario di otorinolaringoiatria  e di chirurgia generale, e la collaborazione temporanea  degli specialisti dell’ORL dell’Ospedale di Acqui per far fronte alle esigenze di mantenimento dell’attività chirurgica e di pronto soccorso del reparto di Otorinolaringoiatria; per il reparto di Odontostomatologia (unico reparto ospedaliero in provincia per la gestione di pazienti con fattori di rischio  e dove operano due medici  specialisti) è al vaglio la ricerca di  una soluzione, stante la anomala situazione di due medici presenti in pianta organica ma non operativi.
La relazione che ha illustrato questi provvedimenti è stata messa ai voti dal Presidente del Comitato dei Sindaci prof. Ernesto Berra e giudicata in modo favorevole dall’unanimità dei sindaci presenti.
In particolare, i provvedimenti adottati dalla Direzione dell’ASL sono stati apprezzati sia dal Presidente del Comitato sia dal Sindaco di Casale Monferrato ing. Giorgio Demezzi, perché giudicati  – pur nella consapevolezza della limitatezza delle risorse disponibili -  adeguati per risolvere le criticità  segnalate e per fugare le preoccupazioni dei cittadini nei riguardi dell’Ospedale più grande dell’ Azienda sanitaria.
Il Presidente del Comitato Berra ha voluto, da parte sua, richiamare l'attenzione sulla criticità per la diminuzione delle giornate concesse per la continuità assistenziale, prolungando di fatto la degenza ospedaliera e limitando quindi il turn-over. 
Il Commissario Pasino ha affermato che “avendo raggiunto la parità di bilancio è stato possibile affrontare le criticità che rivestivano più alta priorità per la loro soluzione, mentre permane tutto l'impegno per affrontare gradualmente anche le altre di cui siamo coscienti”.
La riunione è proseguita con l’illustrazione delle decisioni della Giunta Regionale in merito al Centro regionale Amianto di Casale Monferrato.
A cura del responsabile del Centro, dott. Massimo D’Angelo, sono state sinteticamente descritte le principali novità della recente deliberazione regionale: l’ottimizzazione delle attività in materia di bonifica, prevenzione e ricerca sulle patologie amianto-correlate, attraverso un modello organizzativo innovativo che prevede la sinergia fra i settori Ambiente e Sanità della Regione,  l’integrazione con la rete nazionale del Ministero della Salute, l’individuazione di Comitati di indirizzo scientifico e consultivi (ampio spazio viene dato alle organizzazioni di tutela e dei familiari delle vittime, alle autonomie locali, ai rappresentanti dei lavoratori), il perseguimento di strategie di ricerca e di lavoro ‘in rete’ superando i limiti e le contrapposizioni del passato.
Grande interesse ha suscitato inoltre  l’annuncio di un progetto di ricerca, finanziato dal Ministero della Salute, che vedrà collaborare assieme il Piemonte e il Lazio.


Ultimo aggiornamento: 24/09/12